Seleziona una pagina

Hai un collaboratore che è giunto alla fine della sua collaborazione e vuoi sapere come regolarti per la liquidazione ?

Continua a leggere e scoprilo!

In merito alle indennità percepite per la cessazione di collaborazioni coordinate e continuative, se il diritto risulta da atto scritto avente data certa anteriore all’inizio del rapporto di collaborazione, va applicata la ritenuta d’acconto del 20 %  (art. 24, comma 1, D.P.R. 600/1973).

Fai attenzione che se non c’è stata la previsione dell’erogazione del trattamento di fine mandato (TFM) in un atto avente data certa e anteriore all’inizio del rapporto di collaborazione, questo fa venire meno la possibilità di applicare la tassazione separata (aliquota del 20 %) alla specifica voce di fine rapporto lavoro.

Non ne sarà comunque vietata l’erogazione che verrà cumulata con i compensi e tassata ad aliquota ordinaria.

Il lavoratore potrà sempre decidere quale regime di tassazione vedersi applicare sul TFM, qualora sussistano i requisiti di ho detto sopra.

Data certa

come dare una data certa al contratto?

Puoi farlo con l’invio dello stesso per raccomandata con ricevuta di ritorno, con la redazione di una delibera oppure con la PEC.

Non parliamo dei trattamenti di fine mandato che superano l’importo di 1.000.000 € che per espressa previsione dell’art. 24, comma 31, D.L. 201/2011 debbono essere cumulati con gli altri compensi e regolarmente tassati.

CdL Roberto Rossi

 

Ciao! Ti va di lasciarmi la tua mail?

Ricevi in automatico i miei post!

Se vuoi puotrai essere avvisato in automatico quando pubblico un post nuovo

Leggi la Policy

Grazie! La tua iscrizione è stata registrata con successo.

Share This