La CIG anche per gli assunti dopo il 23 febbraio 2020

da | Apr 14, 2020 | Diritto del lavoro | 0 commenti

La cassa integrazione anche agli assunti dopo il 23 febbraio 2020!

Con la circolare numero 1607 del 14 aprile 2020 finalmente l’INPS afferma il diritto a percepire le provviste erogate per la cassa integrazione guadagni ordinaria, per l’assegno ordinario e per la cassa in deroga, anche ai lavoratori risultanti in forza alla data del 17 marzo 2020. Dando la possibilità di accedere anche a coloro che ne erano esclusi perché assunti dopo il 23 febbraio 2020.

Questo viene confermato dall’INPS dopo aver analizzato l’articolo 41 del nuovo decreto numero 23 dell’8 aprile 2020 che afferma che le disposizioni degli articoli 19 e 22 del DL 18/2020 si applicano anche ai lavoratori assunti dal 24 febbraio al 17 marzo 2020.

In verità era già da qualche giorno che gli esperti della fondazione studi dei consulenti del lavoro abbracciavano questa tesi ma come si sa finché l’INPS non “pontifica”, per quanto riguarda le procedure, si brancola nell’incertezza!

Adesso via con le domande integrative per non far perdere il diritto anche agli ultimi assunti.
L’INPS raccomanda, per le domande integrative riguardanti l’assegno ordinario, di inserire il numero di protocollo della domanda che si va ad integrare. (sezione note)

Il termine entro il quale si può presentare la domanda integrativa, rimane quello della fine del quarto mese successivo l’inizio della sospensione o riduzione dell’attività lavorativa.

A scanso di equivoci, si fa riferimento alla cassa integrazione chiesta con la causale “emergenza COVID-19 nazionale” .

Un’altro chiarimento utile è quello riguardante i lavoratori provenienti da un’altra azienda, per trasferimento ai sensi dell’articolo 2112 o per subentri nelle procedure di appalto.

Bene aver chiarito che per questi lavoratori si computa il periodo nel quale gli stessi erano in forza presso i datori di lavoro precedenti.
Quindi nel caso in cui ci trovassimo a dover calcolare la data utile ai fini dell’accesso alla cassa integrazione da parte di un lavoratore che magari il 18 marzo 2020 sia passato alle dipendenze dell’azienda per la quale ci apprestiamo ad attuare le procedure della cassa integrazione, adesso sappiamo che lo stesso può essere considerato come “in forza al 17 marzo 2020” perché si computa il periodo di lavoro svolto presso il datore precedente.

CdL Roberto Rossi

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ciao! Ti va di lasciarmi la tua mail?

Ricevi in automatico i miei post!

Se vuoi, potrai essere avvisato in automatico quando pubblico un post nuovo

Grazie! La tua iscrizione è stata registrata con successo.

Share This