Seleziona una pagina
Posso spostarlo di sede il dipendente che usufruisce dei permessi Art. 33 Legge 104/1992?

Posso spostarlo di sede il dipendente che usufruisce dei permessi Art. 33 Legge 104/1992?

 

CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA 24015/2017

L’articolo 2103 del codice civile sancisce che :
“il lavoratore non può essere spostato da una unità produttiva
ad un’altra salvo che per comprovate ragioni tecniche, organizzative
o produttive”.

Quindi, se esistenti le comprovate ragioni, il datore di lavoro può spostare
il lavoratore da una unità produttiva ad un’altra in maniera unilaterale,
variandone la sistemazione geografica.

La totale discrezionalità trova però un paletto nella nuova sentenza della Cassazione,
la numero 24015/2017 la quale stabilisce che, questo libero arbitrio datoriale
non può avere luogo se il dipendente in questione è un lavoratore che usufruisce dei
permessi retribuiti ai sensi dell’art.3 della legge 104/1992
(permessi per assistenza a familiari disabili).

Tale decisione si inserisce in un contesto più ampio del dettato legislativo
ordinario e cioè in quello Costituzionale, con la tutela del diritto del familiare
a poter assistere il disabile, alla Carta di Nizza che tutela i diritti dei disabili
in materia di inserimento sociale e alla Convenzione delle Nazioni Unite del
dicembre del 2006 in materia di protezione dei disabili.

Tale sentenza va utilizzata come punto di riferimento dalle aziende.
Nel caso le stesse vogliano attuare un trasferimento senza consenso,
di un dipendente appartenente a questa categoria, faranno bene non solo
ad assicurarsi che le ragioni tecniche, produttive ed organizzative esistano veramente
ma anche ad essere pronti a dimostrare in un eventuale giudizio, che quella era
l’unica soluzione possibile e che non ne esistevano altre.

CdL Roberto Rossi

 

Ma quando si presenta la domanda?!

Ma quando si presenta la domanda?!

 

NASPI

Per accedere alla NASPI la domanda può essere fatta solo telematicamente entro

il termine di 68 giorni dalla data di cessazione del rapporto di lavoro, i canali attivati sono:

  • web- portale INPS (tramite i servizi telematici al cittadino messi a disposizione dei possessori di PIN)
  • contact center (al numero telefonico 803-164)
  • patronati
  • intermediari abilitati (consulenti del lavoro, ecc.)

Attenzione alla decorrenza perché si potrebbero perdere alcuni giorni di indennità.

Se la domanda viene presentata entro l’ottavo giorno dalla data di cessazione del rapporto di lavoro

  • l’indennità decorrerà dall’ottavo giorno

Se la domanda viene presentata oltre l’ottavo giorno dalla data di cessazione del rapporto di lavoro

  • l’indennità decorrerà dal giorno in cui viene presentata la domanda stessa. 

CdL Roberto Rossi