Seleziona una pagina
Consigli per gli assegni al nucleo familiare!

Consigli per gli assegni al nucleo familiare!

 

Quando calcoliamo il reddito che deve essere computato ai fini del calcolo
per gli assegni al nucleo familiare, dobbiamo fare attenzione!

La normativa ci dice che ” concorrono a formare il reddito familiare,
i redditi complessivi assoggettabili all’imposta sui redditi (IRPEF) e quelli di qualsiasi natura compresi, se superiori a 1.032,92 € annui, i redditi esenti da imposta o soggetti a ritenuta alla fonte a titolo di imposta”.

Quindi quando calcoliamo i redditi da imputare ai fini di una corretta compilazione del modello SR16, non limitiamoci a guardare l’imponibile fiscale del modello CU.
Infatti il reddito di un nucleo familiare può essere composto anche da redditi che non rientrano tra quelli da lavoro dipendente, come ad esempio quelli da capitale, di impresa ecc.

Questo è importante soprattutto per il calcolo della percentuale del 70%.
Cosa significa? Significa che normativa vuole che per poter avere diritto agli assegni al nucleo familiare almeno il 70% dei redditi che entrano nel nucleo familiare deve provenire da attività di lavoro dipendente.
Tra i redditi da prendere in considerazione e quindi da indicare nel modello SR16 abbiamo:
le pensioni sociali, le pensioni, gli assegni e le indennità ai ciechi, sordomuti, invalidi civili, redditi che provengono da BOT, CCT, le vincite del lotto e dei concorsi.

Sono esclusi dal computo
• il TFR e anticipazioni dello stesso,
• le rendite vitalizie erogate dall’INAIL,
• la parte non tassabile delle indennità di trasferta,
• le pensioni di guerra e le pensioni privilegiate ordinarie corrisposte ai militari di leva infortunatisi.
• Le indennità di accompagnamento corrisposte ai ciechi invalidi assoluti
• Ai minori invalidi non deambulanti
• Le indennità di accompagnamento di tipo risarcitorio
• Le indennità di frequenza corrisposte ai minori mutilati ed invalidi civili quando non sussiste titolo alle indennità di accompagnamento o alle speciali indennità previste dalla legge
• L’indennizzo corrisposto dallo Stato a favore dei soggetti danneggiati da complicanze di tipo irreversibile a causa di vaccinazioni obbligatorie, trasfusioni e somministrazione di emoderivati

28/07/2017